Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_teheran

Cerimonia per il conferimento dell’onorificenza della Stella d’Italia, nel grado di Cavaliere, al Maestro Behrouz Gharibpour e all’architetto Mansur.

Data:

23/03/2015


Cerimonia per il conferimento dell’onorificenza della Stella d’Italia, nel grado di Cavaliere, al Maestro Behrouz Gharibpour e all’architetto Mansur.

Il 12 febbraio 2015, presso la Residenza italiana, l’Ambasciatore Conciatori ha conferito l’onorificenza della Stella d’Italia, nel grado di Cavaliere, al Maestro Behrouz Gharibpour e all’architetto Mansur Falamaki.

 

Il Maestro Behrouz Gharibpour, nato a Sanandaj, è uno dei più importanti registi teatrali contemporanei iraniani. Egli ha rinnovato con spirito pionieristico il tradizionale “teatro dei burattini” persiano. Il maestro Gharibpour si è formato sia in Iran che in Italia, ove ha studiato presso l'Accademia d'Arte drammatica "Silvio d'Amico". E’ molto attivo anche come organizzatore di centri culturali: ha guidato la trasformazione dell'antico mattatoio di Teheran, dando vita ad una struttura che presto è divenuta un polo di attrazione per ceti popolari ed intellettuali d'avanguardia; ha fondato la “Casa degli Artisti”, che oggi è forse il più dinamico centro di aggregazione culturale nella capitale. È molto attivo sulla scena teatrale internazionale; si esibisce in Europa ed in Asia: in Italia ha portato i suoi spettacoli di marionette a Roma, ai teatri “Argentina” e “Quirino”, e di recente è stato invitato a Milano dal teatro "Il Piccolo". Rappresentando i suoi lavori, egli ha fatto comprendere al pubblico italiano aspetti qualificanti della cultura iraniana. E’ perciò un protagonista e un simbolo dell’interazione culturale fra Iran e Italia.

 

Mansur Falamaki si è laureato in Architettura in Italia, ed ha ideato e fondato l’Associazione degli Iraniani laureati in Italia, di cui è tuttora Presidente. Le sue attività nei campi dell’urbanistica e del restauro gli valgono unanime apprezzamento tanto in Iran che in Italia. Dal 1961 al 1969 ha collaborato con l’Istituto Universitario di Architettura di Venezia. Professore Associato presso la Facoltà di Belle Arti dell’Università di Teheran dal 1969 al 1973, diviene Professore Ordinario nel 1974 e mantiene la cattedra sino al 2005. Nel 1970, ha istituito la Facoltà di Restauro Architettonico ed Urbanistico presso l’Università di Teheran. Ha pubblicato numerosi libri ed svolto un’intensa e qualificatissima attività professionale nel campo dell’architettura e dell’urbanistica, realizzando progetti ed svolgendo attività di consulenza. Ha creato l’Istituto Culturale FAZA, attivo tra Italia ed Iran, ed in generale ha portato nell’architettura e nell’urbanistica iraniana uno sguardo memore di sensibilità e forme italiane.

 

Teheran Times 17.02.2015


267